Edge passa a Chromium: il browser da cui deriva Chrome

Microsoft Edge passa a Chromium, dopo le indiscrezioni degli ultimi giorni, Microsoft ha ufficializzato la notizia.

Edge passerà alla piattaforma Chromium,  abbandonando EdgeHTML.

La nuova versione di Edge, dovrebbe arrivare nel corso del 2019. 

La creazione di un nuovo browser, sara compatibile non solo per Windows 10, ma anche per Windows 7, 8 e Mac.

Il nome in codice di questo nuovo browser sarebbe Anaheim,  e sarà spinto proprio dallo stesso motore di Google Chrome.

Ma il passaggio a Chromium non significa che Edge e Chrome saranno identici,

Microsoft continuerà a differenziarsi, cercando di trovare soluzioni diverse da quelle di Google nel proprio browser.

In questo modo si avrà la possibilità di visualizzare tantissimi siti senza problemi, come ad esempio Youtube, che presenta tanti bug con Edge.

Infatti l’intenzione di Microsoft è quella di realizzare una migliore compatibilità web per gli utenti

Edge passa a Chromium

e una minore frammentazione per gli sviluppatori web.

Microsoft intende effettuare questo cambiamento tecnologico in modo graduale,

innanzitutto Microsoft passerà a una piattaforma web compatibile con Chromium per Microsoft Edge sul desktop.

Microsoft Edge verrà distribuito e aggiornato per tutte le versioni supportate da Windows.

Infine Microsoft contribuirà alla piattaforma web, per migliorare i browser basati su Chromium sui dispositivi Windows.

Google ha accolto positivamente la notizia, augurando il benvenuto a Microsoft dicendo

“Chrome è un sostenitore del web aperto sin dall’inizio e diamo il benvenuto a Microsoft nella comunità di collaboratori di Chromium.

Non vediamo l’ora di collaborare con Microsoft e la community per far progredire il Web aperto,

supportare gli utenti e offrire esperienze di navigazione eccezionali”.

E voi cosa ne pensate di Edge passa a Chromium?

Per favore disabilita Adblock in modo da permetterci di crescere e darvi un servizio sempre migliore.

 Seguici su telegram per rimanere sempre aggiornato.

Se quest’articolo ti è piaciuto ricorda di mettere un bel mi piace, condividerlo su Facebook, instagram, google + o iscriverti al canale Youtube o alla newsletter di infotelematico.com, gratis avrai tantissimi contenuti direttamente sulla tua email .