Vai al contenuto
Home » Recensioni » Il drone subacqueo che trova i pesci

Il drone subacqueo che trova i pesci

PowerRay drone subacqueo. Arriva dalla PowerVision un azienda esperta di robotica a creare un drone subacqueo, “PowerRay” il nome, progettato per rivoluzionare la pesca d’acqua dolce, d’acqua salata o sul ghiaccio, dedicato agli appassionati di pesca sportiva e agli hobbisti.

PowerRay sfrutta un sistema di sonar per rilevare i pesci con precisione e che invia immagini della flora e della fauna subacquea, i dati sulla temperatura e le notifiche agli utenti tramite il Wi-Fi interno, per consentire ai pescatori di prendere decisioni e facilitare l’esperienza i pesca.

drone subacqueo

Può immergersi fino a una profondità di circa 30 metri sott’acqua e il sistema di sonar può rilevare i pesci fino a 40 metri sotto il drone, rendendo così ispezionabile una profondità totale pari a circa 70 metri, con una precisione di circa 10 centimetri. Il sistema Wi-Fi interno consente la trasmissione di immagini e dati fino a 80 metri. 

Sfruttando l’app PowerRay Mobile, gli utenti possono visualizzare in tempo reale le foto o i video ripresi dalla fotocamera 4K UHD integrata in PowerRay, su qualsiasi dispositivo mobile iOS o Android, oltre a ricevere immagini dei pesci identificati, dati subacquei e notifiche.

PowerRay è dotato di un accessorio opzionale per gettare l’esca con precisione, che può essere gestito da remoto.

Supporta anche PowerVision VR Goggle proponendo l’immersione subacquea attraverso la tecnologia della realtà virtuale.

Il drone è 100% impermeabile per consentire immersioni subacquee fino alla profondità massima di 30 metri.

L’autonomia massima del drone è di quattro ore, il peso è di 3,5 kg più gli accessori che pesano 2 kg.

PowerRay lo potete acquistare su https://store.eu.powervision.me/.

Il prezzo consigliato IVA inclusa dei tre pacchetti è €1.599 per PowerRay Explorer, €1.988 per PowerRay Angler e €2.099 per PowerRay Wizard.

E voi cosa ne pensate di questo drone subacqueo?

Hai trovato utile questo articolo? Perché non condividerlo sui social Facebook, Instagram o iscriverti al canale YouTube di infotelematico.com per avere altri contenuti interessanti.

Condividi questo post sui social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *